info@ipaziabooks.com

LUOGHI E TOPONIMI DELLA SARDEGNA

PREMESSA

Io ho avuto interesse per la toponimia della Sardegna da sempre, cioè da più di 60 anni. Io perfino ricordo che il mio primo studio di linguistica era dedidato a un toponimo nuorese, Balubirde, del quale avevo dimostrato che era errato averlo tradotto nell’ital. Valverde, dato che il suo significato è assai differente (giugno 1945). In seguito ho pubblicato un’intera opera dedicata alla toponimia della Sardegna, o meglio alla sua macrotoponimia, opera intitolata “I nomi di paesi città regioni monti fiumi della Sardegna – significato e origine” (Cagliari 1997, ristampa 2004, E. Gasperini Editore). Di recente ho pubblicato un’opera intitolata “I toponimi della Sardegna – Significato e origine, 2 Sardegna centrale” (Sassari 2011, EDES – Editrice Democratica Sarda), la quale ha costituito una totale revisione della mia opera precedente ed insieme un suo grande ampliamento. Particolarmente in toponomastica, per il suo fondamentale carattere di aleatorietà – come dimostrerò meglio più avanti – un linguista ha l’obbligo ed insieme l’interesse a tentare nuove letture, nuove interpretazioni e nuove etimologie. Ebbene, a distanza di cinque anni da questa mia recente opera, ritorno sull’argomento e presento adesso una nuova opera di sintesi e di revisione generale, la presente intitolata “Luoghi e toponimi della Sardegna”. In maniera particolare tengo a precisare che nella presente opera – a parte i macrotoponimi – ho tralasciato quasi tutti i numerosi “toponimi trasparenti”, cioè quelli di cui il comune parlante di lingua sarda afferra immediatamente il significato, esempio Chercu «quercia», Funtana «fontana», Monte «monte», Ortu «orto», Riu «rivo», ecc., mentre ho registrato e studiato quasi solamente i “toponimi opachi”, quelli cioè di cui il comune parlante non afferra il significato effettivo. D’altra parte sono del tutto certo che mi siano sfuggiti altri toponimi che pure sarebbero stati degni di essere citati e studiati.

Massimo Pittau

Continua la lettura, acquista il testo su Amazon.

_____________________

LUOGHI E TOPONIMI DELLA SARDEGNA by MASSIMO PITTAU

Massimo Pittau (Nuoro, 6 febbraio 1921) è un linguista e glottologo italiano, studioso della lingua etrusca, della lingua sarda e protosarda. Ha pubblicato numerosi studi sulla civiltà nuragica e sulla Sardegna storica. Le sue posizioni riguardo al dialetto nuorese (massima conservatività nell’ambito romanzo) sono vicine a quelle del linguista Max Leopold Wagner con cui è stato in rapporto epistolare. Nel 1971 è entrato a far parte della Società Italiana di Glottologia e circa 10 anni dopo nel Sodalizio Glottologico Milanese. Per le sue opere ha ottenuto numerosi premi.