info@ipaziabooks.com

COMPENDIO DELLA CIVILTÀ DEI SARDI NURAGICI di Massimo Pittau

 

Premessa

Innanzi tutto debbo segnalare che già nel passato, ma soprattutto da quando prima ho avuto l’incarico di insegnamento della Linguistica Sarda nell’Università di Sassari (1970) e dopo ho vinto la relativa cattedra (1971), ho in prevalenza rivolto i miei interessi di studio ai relitti della lingua parlata dai Sardi Nuragici, relitti costituiti sia da appellativi comuni ancora usati nell’attuale lingua sarda, sia da nomi di luogo (toponimi) o da cognomi (antroponimi). In virtù dei risultati conseguiti dai miei studi e di quelli conseguiti dai linguisti che mi hanno preceduto sull’argomento (M. L. Wagner, J. Hubschmid, B. Terracini, G. Bottiglioni, V. Bertoldi, C. Battisti, E. De Felice) mi sono proposto di comporre un intero libro sul “sostrato linguistico nuragico”, libro che effettivamente è comparso nel 2001 col titolo La Lingua Sardiana o dei Protosardi (Cagliari, E. Gasperini Editore). Ai fini di questo mio rilevante impegno di lavoro, mi sono preoccupato, in concomitanza coi miei studi propriamente linguistici, di prendere in esame l’intera bibliografia scientifica prodotta dagli specialisti intorno alla “civiltà sardo-nuragica”, considerata sia nei suoi aspetti generali sia in quelli particolari. Questa mia ampia apertura di studio a tutta la produzione scientifica (archeologica, storica, religiosa, etnologica, antropologica, ecc.) relativa alla “civiltà sardo-nuragica” trova la sua ovvia spiegazione nella consapevolezza metodologica che ogni linguista non può non derivare dall’importantissimo movimento linguistico, che si è denominato Woerter und Sachen, “Parole e Cose”, dei primi decenni del Novecento, movimento che ha avuto uno dei suoi più geniali rappresentanti in Max Leopold Wagner, ossia proprio quello che è stato il Maestro della Linguistica Sarda, uno dei più autorevoli linguisti neolatini e che io considero il mio più valido maestro personale. A seguito ed in conseguenza del movimento Woerter und Sachen ogni linguista sufficientemente preparato e metodologicamente consapevole sa bene che la lingua di un popolo è sempre strettamente connessa con i fatti e gli eventi di questo popolo, cioè con la sua intera “cultura”…

Continua la lettura, acquista il testo su Amazon.

_____________________

COMPENDIO DELLA CIVILTÀ DEI SARDI NURAGICI  by MASSIMO PITTAU


Massimo Pittau
(Nuoro, 6 febbraio 1921) è un linguista e glottologo italiano, studioso della lingua etrusca, della lingua sarda e protosarda. Ha pubblicato numerosi studi sulla civiltà nuragica e sulla Sardegna storica. Le sue posizioni riguardo al dialetto nuorese (massima conservatività nell’ambito romanzo) sono vicine a quelle del linguista Max Leopold Wagner con cui è stato in rapporto epistolare. Nel 1971 è entrato a far parte della Società Italiana di Glottologia e circa 10 anni dopo nel Sodalizio Glottologico Milanese. Per le sue opere ha ottenuto numerosi premi.

Product Details

  • File Size: 1591 KB
  • Print Length: 361 pages
  • Simultaneous Device Usage: Unlimited
  • Publisher: Ipazia Books; 1 edition (February 9, 2017)
  • Publication Date: February 9, 2017
  • Sold by: Amazon Digital Services LLC
  • Language: Italian
  • ASIN: B06WP3BF96